Ultimi aggiornamenti

Ultimo aggiornamento:
6.11.18 La rima al
22/07/18 Maria
13/06/18 Amare e
22.04.18 Madonna
1.04.18 Autostrada
10.09.17 AVE MARIA
15.09.16 Addolorata
28.08.16 Messaggi di
11/07/16 Mamma
24/01/16 Schiavitù
Concezione di Placido T.
27/12/14 Ave Maria
26/06/14 33 anni di
09/06/14 Dio è più
02/01/14 La divina
25/12/12 Natale è lì,
25/11/12 Una grande
24/10/12 Maria e
25/08/12 Enigma:
13/05/12 Festa della
06/05/12 I fiori
10/04/12 il falsario
09/03/12 superare
04/03/12 Casale
15/01/12 Mammona
18/12/11 Nuova
24/11/11
27/10/11 La scala
19/09/11 43.mo
03/09/11 Fondo
1° /09/11 Amare
24/08/11 Gesù
24/08/11
22/08/11 Amami
11/08/11 La barca
18/07/11 Mi ami tu
13/07/11 "Dio come
29/06/11 Filosofia
27/06/11 Che faccia
17/06/11 il Divino
13/06/11 gruppo
9/06/11
9/06/11
5/06/11
 
 

Madonna Nera

IL Santuario della Madonna
Nera di Jasna Gora, è stato
gemellato con il Santuario
della Madonna del Divino
Amore, dal Papa
San Giovanni Paolo II.

Mia sorella suor Luigina

Mia sorella ha lasciato la famiglia a 16 anni per andare in convento, e dopo sessant'anni di vita religiosa, attiva fino alla fine, senza essersi fermata è volata in Cielo. La sua impronta era la calma, la pace, il silenzio e la gioia che voleva trasmettere con il suo sorriso. Veniva in vacanza da noi, pochi giorni e riusciva a rendersi utile, a salutare tutti, ad interessare anche noi dei “suoi bambini” con le sue foto; e sempre serenamente con tanta pazienza ci ascoltava.

Volevo venire là, “a casa sua”, in Romania, per l'ultimo saluto, ma non ho osato da solo, per il freddo, la neve, la lingua che non conosco, il viaggio all'ultimo minuto e nel buio della notte, con le previsioni meteo scoraggianti. Ma sicuramente un giorno ci verrò. Adesso sono presente con il cuore.

Ho gli occhi gonfi di lacrime: non ho mai pianto tanto in vita mia. Non riconosco queste lacrime come un vero dolore, ma piango per l'emozione: ormai sono convinto che mia sorella era una santa! Infatti il mio abbraccio fraterno non vuole più finire perché con lei sto abbracciando il Cielo.

Cara sorellina, siamo stati ben fortunati di averti avuto come sorella e zia e cognata e tu ci hai sempre sostenuti con le tue preghiere. Sei stata e sei ancora un grande dono del Signore per noi!

Mario

Sabato 15 dicembre 2012.

SORELLE MINIME DELLA CARITÀ DI MARIA ADDOLORATA (vedi articolo)

 

CENNI STORICI
 
Nata a Pergola il 28 gennaio 1936, da Antonio Zanchini e Giuditta Ciarafoni,
battezzata con il nome di Elvira come una zia sposa di zio Alberto (fratello di mamma Giuditta).
Lasciandola ancora piccina (5 anni), il babbo andò a lavorare in Africa orientale .
Dopo dieci anni di assenza durante la guerra e prigionia, il babbo è tornato a Pergola, cambiato.
Era diventato terziario francescano, durante gli anni della prigionia,
ad opera di Padre Nicola Delfino, cappuccino, capellano militare del campo,
e così avvenne che al suo ritorno, a casa, si iniziò a recitare tutte le sere, il santo rosario in famiglia.
In quest'ambiente "francescano" fiorì la vocazione di Suor Luigina.
Nel 1947, da Pergola il babbo partì per il Belgio dove c'erano richieste di lavoratori per le miniere.
Questa volta lo seguì tutta la famiglia ed io stesso nacqui là in Belgio, nel 1950.
All'inizio, abitavamo in un ex-campo di concentramento tedesco, a Maurage,
trasformato in un aglomerato di casette residenziali che chiamavano "baracche".
In Belgio Elvira frequentava le scuole di l'Ètincelle ed era bravissima,
aveva sempre riportato il massimo dei voti: "la plus grande distinction".
La scuola era tenuta dalle suore.
 
 
Nel 1953, Elvira entrò nell'Istituto Campostrini di Verona.
La sua richiesta era già stata inoltrata diversi mesi prima,
ma dovette aspettare di raggiungere quasi i 18 anni di età. (1936-1953)
A Pergola (PS) aveva conosciute le suore Campostrini a scuola,
quando era bambina, e si ricordò di loro quando dovette scegliere un Istituto religioso.
"Nel 1961, si consacrò totalmente a Dio con la professione perpetua.
Conseguì il diploma di abilitazione all'insegnamento nella Scuola materna,
  per seguire la missione dell'Istituto dedicato all'educazione della gioventù,
a Spiazzi, Monestirolo, Salce, Chievo, Castelnovo, Gaibanella, Vicopisano, Verona."
(Queste informazioni tra virgolette, le ho prese direttamente dalla lettera della madre generale, suor Fernanda Verzé)
Nel 1991 in Romania, a Tamaseni, fu tra le prime missionarie per educare ed insegnare l'infanzia
e soprattutto per far conoscere al mondo fuori dall'Italia chi sono le suore Campostrini:
"Le sorelle minime della carità di Maria addolorata".
Dopo 21 anni di presenza in Romania, è partita in punta di piedi, di notte per andare a servire Gesù dal Cielo.
 
 
    
 
 
IL GIORNO DELLA PRIMA COMUNIONE
 
 

Una parola d'amore.

Investire nell'amore amando, è il miglior investimento perché produce sempre un amore più grande. Per arricchire nell'amore c'è un solo modo: amare Dio. È il primo comandamento ed il secondo che gli è simile, viene solamente dopo però, perché senza il primo non riesci a fare il secondo. Infatti Dio ci ama in modo infinitamente perfetto, ed appena si accorge che qualcuno s'accende di un minimo di amore per Lui, Egli risponde sempre più innamorato. L'uomo invece è peccatore ed ha bisogno di reimparare. Quello di Dio è l'amore che può convincere l'uomo ad amare e che lo sostiene nell'amare. Dio padre ama talmente il Figlio che più lo ama e più egli stesso è ricambiato dal Figlio e tale amore segue un vortice che lo trasforma in una fornace di amore, chiamata Spirito Santo amore. Più il padre è generoso d'amore, e più il figlio lo ama di amore infinito con lo Spirito Santo. In pratica c'è un peccatore (siamo ognuno di noi) delinquente reo confesso che sta in croce insieme a Gesù e che osserva l'amore della Madre per il Figlio, l'amore di Giovanni e delle pie donne per Gesù. Ed egli si converte confessando i suoi peccati: “Noi siamo in croce giustamente per le nostre colpe, ma Egli non ha fatto niente di male!” Poi dice: “Gesù, ricordati di me quando sarai nel tuo regno!” E Gesù risponde al suo amore con il perdono, ma questo è già dato perché sottinteso: “Questa sera sarai con me in paradiso”. Da quel momento il “buon” ladrone è diventato un'altro Cristo in croce ad intercedere per noi peccatori. Madre Teodora e le sorelle minime della carità di Maria addolorata, hanno il privilegio di trovarsi ai piedi della croce ad amare Gesù con Maria e con San Giovanni: per questo l'apostolo san Giovanni è il patrono delle suore Campostrini. E per questo la vocazione all'amore a Gesù è specifica dell'ordine Campostrini più di ogni altro. (E questo vale anche per i loro parenti). Ed i peccatori che vedono l'amore si convertono per diventare come altro Gesù in croce. Ecco come l'amore si moltiplica generosamente e cresce sempre vertiginosamente.

Si Gesù, Amore noi (suore e parenti delle suore) ti amiamo,

così come siamo, con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze,

sopra ogni cosa per sempre,

accresci in noi l'amore per te e per i nostri fratelli. Così sia.

Viva Maria!

    Viva Padre Pio
Viva don Umberto!
 
È autorizzata duplicazione
di tutto il materiale
originario di questo blog
con citazione della fonte.
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy