Ultimi aggiornamenti

Ultimo aggiornamento:
6.11.18 La rima al
22/07/18 Maria
13/06/18 Amare e
22.04.18 Madonna
1.04.18 Autostrada
10.09.17 AVE MARIA
15.09.16 Addolorata
28.08.16 Messaggi di
11/07/16 Mamma
24/01/16 Schiavitù
Concezione di Placido T.
27/12/14 Ave Maria
26/06/14 33 anni di
09/06/14 Dio è più
02/01/14 La divina
25/12/12 Natale è lì,
25/11/12 Una grande
24/10/12 Maria e
25/08/12 Enigma:
13/05/12 Festa della
06/05/12 I fiori
10/04/12 il falsario
09/03/12 superare
04/03/12 Casale
15/01/12 Mammona
18/12/11 Nuova
24/11/11
27/10/11 La scala
19/09/11 43.mo
03/09/11 Fondo
1° /09/11 Amare
24/08/11 Gesù
24/08/11
22/08/11 Amami
11/08/11 La barca
18/07/11 Mi ami tu
13/07/11 "Dio come
29/06/11 Filosofia
27/06/11 Che faccia
17/06/11 il Divino
13/06/11 gruppo
9/06/11
9/06/11
5/06/11
 
 

Madonna Nera

IL Santuario della Madonna
Nera di Jasna Gora, è stato
gemellato con il Santuario
della Madonna del Divino
Amore, dal Papa
San Giovanni Paolo II.

La fine del mondo, che festa!

2 dicembre 2012
Meditazioni
 Oggi domenica 2 dicembre, c'è proprio nel Vangelo un racconto della fine del mondo. Ma chi se lo poteva aspettare che nella predica ci venisse prospettata come una grande festa. Così ha fatto don Pasquale Cipriani, vice parroco del Divino Amore.

 Lc 21,25-28.34-36.Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, 
mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con potenza e gloria grande.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina».
State bene attenti che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso improvviso;
come un laccio esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.
Vegliate e pregate in ogni momento, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che deve accadere, e di comparire davanti al Figlio dell'uomo». 
 
Questo è il Vangelo. 
Segni nel sole, nella luna e nelle stelle.... Altrove diceva che il sole e la luna non daranno più la loro luce, Ciò si spiegherebbe con un altissimo inquinamento dell'atmosfera, tale da impedire alla luce del sole e della luna di passare, per cui diventerebbero come spenti, ma è l'atmosfera inquinata che potrebbe impedire il passaggio della luce. Questo può accadere, per tante ragioni, una di queste è il risultato di un impatto formidabile tra la terra e qualche meteorita gigantesco (e ci sono in giro nello spazio). Potrebbe accadere anche dopo una guerra mucleare. 
Popoli in angoscia per il fragore del mare e dei flutti... questo già capita con le trombe d'aria, e gli uragani, ed i tsunami!
Mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli saranno sconvolte. 
È molto probabile che in prossimità di quei giorni ci siano delle notizie riguardanti l'avvicinarsi di qualche catastrofe dal cielo, come potrebbe essere proprio l'impatto con una meteora gigantesca. Per il fatto che una meteora di solito è un blocco di ghiaccio questo impatto fa pensare al titanic che è andato a cozzare contro un iceberg, una montagna di ghiaccio galleggiante! E noi sul pianeta Terra faremmo la stessa fine!
Tutte queste notizie farebbero morire gli uomini di paura solo per l'attesa di ciò che dovrà accadere! È un quadro veramente realistico, già la paura può portare alla morte! 
 
La descrizione è quanto mai precisa! Ed in questa visione dei fatti ecco cosa ci viene proposto nella predica di don Pasquale Cipriani. 
Sicuramente questa predica si ispira agli ultimi versetti: Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina!
Quindi prepariamoci alla festa per la nostra Liberazione!
La fine del mondo, dice don Pasquale, è come una festa padronale di qualche paesello, dove si guarda al cielo per tanti botti e tanti fuochi d'artificio e la festa del santo in questo caso non è più un santo qualsiasi di paese, ma Gesù Cristo, il festeggiato stesso che viene in persona su di una nube, nella sua Gloria.
Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con potenza e gloria grande. 
Questo è il modo di accogliere la fine del mondo al quale ci dobbiamo preparare da cristiani!
E come san Francesco d'Assisi, patrono d'Italia, che appunto diceva "tanto è il bene che mi aspetto, che ogni pena mi è diletto!" E nell'ora della sua morte aveva invitato i frati a suonare la musica ed a cantare, e si era fatto portare da Roma uno di quei dolci che gli piacevano tanto, da frate Jacopa invitata all'ultimo minuto alla sua festa di dipartita da questo mondo (già il modo di chiamare una femmina con il nome di frate Jacopa doveva far ridere!)
Ed allora stiamo allegri! Il trionfo dell'Agnello è vicino, qualche rumore di flutti si sente già!
Domenica 2 dicembre 2012.
 Un consiglio? Fate tanti figli, siate fecondi e la festa sarà ancora più bella perché più saremo e più gioia potremo condividere con tutti!

Viva Maria!

    Viva Padre Pio
Viva don Umberto!
 
È autorizzata duplicazione
di tutto il materiale
originario di questo blog
con citazione della fonte.
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy