Ultimi aggiornamenti

Ultimo aggiornamento:
6.11.18 La rima al
22/07/18 Maria
13/06/18 Amare e
22.04.18 Madonna
1.04.18 Autostrada
10.09.17 AVE MARIA
15.09.16 Addolorata
28.08.16 Messaggi di
11/07/16 Mamma
24/01/16 Schiavitù
Concezione di Placido T.
27/12/14 Ave Maria
26/06/14 33 anni di
09/06/14 Dio è più
02/01/14 La divina
25/12/12 Natale è lì,
25/11/12 Una grande
24/10/12 Maria e
25/08/12 Enigma:
13/05/12 Festa della
06/05/12 I fiori
10/04/12 il falsario
09/03/12 superare
04/03/12 Casale
15/01/12 Mammona
18/12/11 Nuova
24/11/11
27/10/11 La scala
19/09/11 43.mo
03/09/11 Fondo
1° /09/11 Amare
24/08/11 Gesù
24/08/11
22/08/11 Amami
11/08/11 La barca
18/07/11 Mi ami tu
13/07/11 "Dio come
29/06/11 Filosofia
27/06/11 Che faccia
17/06/11 il Divino
13/06/11 gruppo
9/06/11
9/06/11
5/06/11
 
 

Madonna Nera

IL Santuario della Madonna
Nera di Jasna Gora, è stato
gemellato con il Santuario
della Madonna del Divino
Amore, dal Papa
San Giovanni Paolo II.
Mamma.... Chiamare Maria Mamma con amore filiale è il massimo per una preghiera brevissima.
È la madre che dà vita, nutre, protegge.
Maria è la mamma di tutte le mamme, la mamma di tutti.
Non c'è niente di più evangelico per l'uomo che chiamare Maria, mamma! perché significa farsi piccoli, ritornare bambini.
Chi più di un bambino è esperto nel chiamare: mamma!
Un anziano conosce la teoria: bisogna farsi bambini, bisogna saper chiamare la mamma,
ma il bambino conosce la pratica.
Maria la serva di tutti i servi di Dio, perché la mamma di tutti gli uomini.
Essendo madre di Dio, è diventata anche madre di tutti gli uomini, in quanto tutti gli uomini hanno la loro origine da Dio.
Chiamare la mamma è un dovere di figli, altrimenti come farebbe la mamma ad assolvere la sua funzione di mamma, se i figli non la invocano?
Alla mamma dispiace non essere considerata tale, non essere coinvolta, non essere chiamata mamma.
La mamma compie la sua funzione per la sua natura di mamma. Vuole fare la mamma.
Da bambini si chiama la mamma, poi da adulti si dimentica, ma alla fine nel momento del dolore e particolarmente nell'ora della morte, molti se non tutti chiamano la mamma. Nell' Ave Maria diciamo sempre: "prega per noi adesso e nell'ora della nostra morte".
Non aspettiamo l'ora della morte per ricominciare a chiamare la mamma: Maria è la nostra mamma.
Impariamo a chiamarla già adesso per essere accompagnati nella nostra vita ed oltre.
Questo è l'insegnamento di don Umberto Terenzi, primo rettore e parroco del Santuario della Madonna del Divino Amore: amare Maria come figli.
Rivolgendoci a Maria con il nome di Mamma, è una grande preghiera brevissima ed apre il cuore a ricevere la Grazia da Maria.
Chiamare mamma da bambino è facile, viene spontaneo, perché conosci la tua mamma, e la tua mamma ti conosce, e ti affidi con affetto senza difficoltà. È del tutto naturale che sia così. Ma da adulti, quando la mamma sai che non ce l'hai più, il fatto di rivolgersi ad una diversa persona, a Maria che è Giovane, sopranaturalmente bella e madre di Dio, presenta comunque un'aspetto di novità. È un rapporto nuovo che si crea, tra un figlio e la sua mamma, assolutamente sua, assolutamente vera, ma sorprendentemente diversa e nuova.
E Gesù ha voluto darci proprio la Sua mamma, per chiamarla mamma e per stabilire con Lei quel rapporto filiale unico.
Grazie don Umberto per l'insegnamento e l'esempio.
L'aspetto davvero stupendo dell'amore di Maria come mamma per i suoi figli è quanto riesce a fare per salvare un figlio peccatore che la invoca. Maria fa di tutto per salvarlo nonostante i suoi peccati. Nell'Ave Maria lo diciamo chiaramente: "prega per noi peccatori!" Invocare Maria come Mamma è un grande momento di misericordia per chiunque l'invoca.
Beato chi riesce a tornare nelle braccia della Mamma, è così che ritrova la Pace, la vera Pace e la gioia.

Viva Maria!

    Viva Padre Pio
Viva don Umberto!
 
È autorizzata duplicazione
di tutto il materiale
originario di questo blog
con citazione della fonte.
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy