Ultimi aggiornamenti

Ultimo aggiornamento:
6.11.18 La rima al
22/07/18 Maria
13/06/18 Amare e
22.04.18 Madonna
1.04.18 Autostrada
10.09.17 AVE MARIA
15.09.16 Addolorata
28.08.16 Messaggi di
11/07/16 Mamma
24/01/16 Schiavitù
Concezione di Placido T.
27/12/14 Ave Maria
26/06/14 33 anni di
09/06/14 Dio è più
02/01/14 La divina
25/12/12 Natale è lì,
25/11/12 Una grande
24/10/12 Maria e
25/08/12 Enigma:
13/05/12 Festa della
06/05/12 I fiori
10/04/12 il falsario
09/03/12 superare
04/03/12 Casale
15/01/12 Mammona
18/12/11 Nuova
24/11/11
27/10/11 La scala
19/09/11 43.mo
03/09/11 Fondo
1° /09/11 Amare
24/08/11 Gesù
24/08/11
22/08/11 Amami
11/08/11 La barca
18/07/11 Mi ami tu
13/07/11 "Dio come
29/06/11 Filosofia
27/06/11 Che faccia
17/06/11 il Divino
13/06/11 gruppo
9/06/11
9/06/11
5/06/11
 
 

Madonna Nera

IL Santuario della Madonna
Nera di Jasna Gora, è stato
gemellato con il Santuario
della Madonna del Divino
Amore, dal Papa
San Giovanni Paolo II.
LE COOPERATIVE DI FAMIGLIE PER VIVERE LA CARITÀ COME LA CHIESA PRIMITIVA.
 
Si stanno moltiplicando le cooperative di famiglie. Ogni cooperativa sceglie una propria MISSIONE di CARITÀ.
Negli anni si possono cambiare missioni, non devono per forza rimanere sempre vincolati ad una sola missione caritativa. Le opere caritative secondo il cuore di Dio sono soprattutto verso i malati, i poveri ed i bambini, anche se ci sono tantissime altre forme di servizio al prossimo. La carità di Dio è sempre totalmente gratuita.
Ma Dio premia con la sua PROVVIDENZA INFINITA.
Con la fondazione di una cooperativa di famiglie si viene a creare un vortice di relazioni nuove interpersonali:
  1. Tra il socio della cooperativa e i membri della propria famiglia.
  2. Tra ogni famiglia coinvolta e le persone assistite con la missione di carità.
  3. Tra le persone assistite dalla cooperativa.
  4. Tra i membri della cooperativa e tutta la comunità parrocchiale, soprattutto per la richiesta di aiuti e di volontari.
  5. Tra la cooperativa e il consorzio delle cooperative.
  6. Tra la cooperativa e le autorità comunali, o regionali o statali.
  7. Tra la cooperativa e le altre cooperative che insieme aderiscono al consorzio.
  8. Tra la cooperativa e la promozione dell'economia dell'Amore!
  9. Eccetera... all'infinito un vortice di relazioni nell'amore di Dio e del prossimo!
 CRESCONO L'AMICIZIA, L'AIUTO RECIPROCO, LA CONOSCENZA, LA POSSIBILITÀ DI SOPRAVVIVENZA, LA DISPONIBILITÀ AL SERVIZIO, LA GIOIA E LA PACE E LA SOLIDARIETÀ!
 
LA COOPERATIVA È UNA VERSIONE MODERNA DELLE COMUNITÀ DEI PRIMI CRISTIANI: UNA GRANDE FAMIGLIA.
 
Si mettono in comune un obbiettivo di carità gratuita, una missione di apostolato cristiano secondo le proprie capacità.
Esempio: chi ha bimbi piccoli si organizza per guardare anche i bimbi degli altri, insieme al suo!
Esempio: oratorio dei piccoli, dove viene insegnato ai bambini piccolissimi, l'amore di Gesù!
La cosa più meravigliosa, quasi incredibile è che se voi avete dei problemi, cercando di risolvere i problemi degli altri, trovate la soluzione anche ai vostri stessi! Chiudersi in se stessi è ciò che impedisce di risolvere i problemi... rimanere aperti all'aiuto verso il prossimo, (nonostante le proprie difficoltà!) è ciò che ti aiuta ad uscire fuori dal tunnel! L'aiuto primario che si può offrire al prossimo non è affatto commisurato in denaro, ma può essere tutt'altra cosa: tempo, ascolto, sorriso, conforto, compagnia, aiuto materiale (senza soldi), anche la preghiera può essere un dono gratuito. Il denaro diventa un mezzo secondario, ridotto al minimo.
COME FUNZIONA: Nella cooperativa accade un fatto straordinario: la missione caritativa scelta dalla cooperativa trasforma la cooperativa stessa in una grande famiglia. 
Coloro che sono gli "assistiti" diventato come i nuovi figli della grande famiglia! Coloro che assistono con senso di responsabilità diventano i "nuovi genitori" della grande famiglia. Per raggiungere lo scopo di portare avanti la missione di carità gratuita si parte dalla famiglia normale dove c'è già presente IL DONO GRATUITO di se stesso tra genitori e figli, tra genitori reciprocamente, tra fratelli e sorelle! Il dono gratuito è il motore della famiglia che rende unita la famiglia sempre in tutte le difficoltà. Ma allo stesso tempo il dono gratuito è il cemento che unisce famiglie diverse in una grande famiglia! Quel dono è fondamento della grande famiglia della cooperativa.
 
LA COOPERATIVA VA CONTROCORRENTE.
 
Se consideriamo in quale direzione va il mondo (guidato dal principe di questo mondo: Mammona) vediamo come l'aiuto in denaro va sempre a vantaggio di chi è ricco! Le banche prestano soldi a tassi agevolati a chi dimostra di non avere difficoltà ed offre maggiori garanzie, come ad esempio le grandi Lobby. Mentre l'insegnamento di Gesù va in senso completamente contrario. Gesù preferisce i poveri, i malati, i bambini, le donne. Questi sono i grandi investimenti che insegna Gesù alla sua Chiesa!
Il povero è sempre una grande occasione per la Chiesa! Il povero è una ricchezza per la Chiesa!
 
CONTRADDIZIONE APPARENTE.
Ad una famiglia in difficoltà, cosa andiamo a chiedere? A chi è già povero, andiamo a chiedere aiuto! Andiamo a chiedere proprio un impegno di responsabilità verso una missione! In questo modo la famiglia si può associare ad altre famiglie di una cooperativa di famiglie. Una famiglia disperata che si aggrappa ad una missione di responsabilità verso chi sta male, chi è povero, chi è senza tetto! Una scelta controcorrente, apparentemente assurda! Ci si rimette nelle mani di Dio, il quale provvede con la sua divina provvidenza. Una scelta di bene: "cercate il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte le altre cose vi verranno date in sovrappiù!"
 
"SI, GESÙ, AMORE, NOI TI AMIAMO
COSÌ COME SIAMO, 
CON TUTTO IL CUORE, CON TUTTA L'ANIMA, CON TUTTE LE FORZE!
SOPRA OGNI COSA!
ACCRESCI IN NOI L' AMORE PER TE E PER I NOSTRI FRATELLI!
COSI' SIA
 
NOMADELFIA.
Don Zeno il fondatore di Nomadelfia (vicino a Grosseto) parla nella sua regola, dell'amore fraterno eroico!
Nomadelfia: il nome stesso significa: la regola è la fraternità, "la fraternità è la regola"  dal greco: nomos adelfos.
Il paese di Nomadelfia, i cui abitanti Nomadelfi, è formato da famiglie che vivono in gruppi di 4/5 focolai familiari. A questi gruppi di famiglie si aggiungono anche le "mamme per vocazione" che sono ragazze che hanno adottato diversi figli (alcune fino a 17 figli) e vivono insieme nel gruppo di famiglie, dove condividono i pasti in un refettorio comune con una annessa cucina. Ogni famiglia possiede una casa dove ci sono le camere da letto. Don Zeno ha chiesto a questi suoi figli, l'amore eroico del Vangelo. Non ci sono padroni nè dipendenti sfruttati. Si è tutti eguali e non si usa denaro tra di loro. Ognuno riceve quello che gli serve! Il denaro serve soltanto per i rapporti con l'esterno!
 
 

Viva Maria!

    Viva Padre Pio
Viva don Umberto!
 
È autorizzata duplicazione
di tutto il materiale
originario di questo blog
con citazione della fonte.
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy