Ultimi aggiornamenti

Ultimo aggiornamento:
6.11.18 La rima al
22/07/18 Maria
13/06/18 Amare e
22.04.18 Madonna
1.04.18 Autostrada
10.09.17 AVE MARIA
15.09.16 Addolorata
28.08.16 Messaggi di
11/07/16 Mamma
24/01/16 Schiavitù
Concezione di Placido T.
27/12/14 Ave Maria
26/06/14 33 anni di
09/06/14 Dio è più
02/01/14 La divina
25/12/12 Natale è lì,
25/11/12 Una grande
24/10/12 Maria e
25/08/12 Enigma:
13/05/12 Festa della
06/05/12 I fiori
10/04/12 il falsario
09/03/12 superare
04/03/12 Casale
15/01/12 Mammona
18/12/11 Nuova
24/11/11
27/10/11 La scala
19/09/11 43.mo
03/09/11 Fondo
1° /09/11 Amare
24/08/11 Gesù
24/08/11
22/08/11 Amami
11/08/11 La barca
18/07/11 Mi ami tu
13/07/11 "Dio come
29/06/11 Filosofia
27/06/11 Che faccia
17/06/11 il Divino
13/06/11 gruppo
9/06/11
9/06/11
5/06/11
 
 

Madonna Nera

IL Santuario della Madonna
Nera di Jasna Gora, è stato
gemellato con il Santuario
della Madonna del Divino
Amore, dal Papa
San Giovanni Paolo II.
Al santuario della Madonna del Divino Amore si usa benedire i fedeli
con il quadro della Madonna, al termine di ogni santa messa;
e questa antica usanza consiste nell'affidamento a Maria con questa preghiera:
"A Voi dono il mio cuore, Madre del buon Gesù, Madre d'amore,
Vi prego o madre mia, di benedire dal Cielo l'anima mia".
 
Ovviamente, questa preghiera di affidamento va ripetuta, in quanto la volontà è debole e si fà presto a dimenticare la buona intenzione che ci ha spinti a donare il cuore a Maria.
 
I pellegrini sono alquanto sorpresi di vedere che la messa finisce con due benedizioni, come se ci si fosse dimenticato di qualche cosa, di qualcuno. Ed infatti è proprio così. La dimenticanza si rileva confrontando direttamente con il Vangelo. Il racconto della passione di Gesù al momento della sua morte sul calvario, ci descrive bene ciò che accadde prima del "tutto è compiuto": c'è l'affidamento di Giovanni a Maria e di Maria a Giovanni. Quindi prima di dire: "la messa è finita andate in pace" ci manca l'affidamento a Maria.
E giustamente don Umberto ha rimediato a questa dimenticanza, aggiungendo dopo ogni messa la consueta preghiera di affidamento a Maria. A questo punto non c'è altro da aggiungere: "andate in pace con Maria, la messa è finita". Praticamente il sacerdote non ci manda via, da soli, ma ci affida a Maria e ci affida Maria.
Nella messa ricevi Gesù nella comunione e vai via con Maria che ti accompagna sempre con la Sua benedizione materna.
Ma guarda quale altra scoperta: affidarsi a Maria è mettere in pratica il Vangelo quando ci dice di ritornare come bambini.
Perché se osservate i bambini, noterete subito quanto sono legati alla loro mamma dalla quale dipendono per tutto.
 
Grazie don Umberto per l'autostrada della salvezza. 
Mt 7,6. 12-14: "Entrate per la porta stretta perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi
sono quelli che la trovano".
La porta stretta, penso che sia un modo di dire prettamente ebraico, come per dire: datevi da fare! Ma la porta del Paradiso invece è larga e si chiama Maria. Diventiamo bambini ed invociamo Mamma Maria ed entriamo. Diamoci da fare!

Viva Maria!

    Viva Padre Pio
Viva don Umberto!
 
È autorizzata duplicazione
di tutto il materiale
originario di questo blog
con citazione della fonte.
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy